Sono molteplici i motivi che spingono gli utenti a utilizzare i servizi di cloud storage, soprattutto per liberare memoria dello smartphone o collaborare alla creazione di documenti, fogli di calcolo e presentazioni.

 

Google Drive

È la suite più completa e pienamente armonizzata presente sul mercato e include: Documenti Google (Google Docs), Fogli Google (Google Sheets), Presentazioni Google (Google Slides) e Moduli Google (Google Forms). Offre 15 GB di spazio per i documenti e spazio illimitato per le foto e i video utilizzando Google Foto (è possibile avere 100 GB a 1,99€/mese o 1 TB a 9,99€/mese). È possibile collaborare, semplicemente cliccando sul tasto condividi presente in alto a destra (interfaccia PC). Vai >

Dropbox

Dropbox è uno dei più importanti servizi di cloud storage. Offre 2 GB gratuitamente, espandibili a 1 TB a 9,99€/mese (8,25€/mese con fatturazione annuale). Punto di forza di questo servizio è la perfetta integrazione con software che si occupano di sincronizzazione dei file. A differenza di Google Drive, non dispone di un proprio “office” ma si serve di Microsoft Office Online. Per collaborare online sarà necessario creare un team (sidebar a sinistra su interfaccia PC). Vai >

OneDrive

OneDrive è il cloud targato Microsoft. Offre 5 GB gratuiti, espandibili fino a 1 TB a 69€/anno per 1 persona o 99€/anno con il piano famiglia e include anche Office 365 Personal).

 

Amazon Cloud Drive

Anche Amazon, il colosso dell’e-commerce ha un suo servizio di cloud storage e offre spazio illimitato per le foto 5 GB per video, musica e altri file per tutti gli iscritti al programma Prime. È inoltre possibile sottoscrivere il piano per l’archiviazione illimitata al costo di 70€/anno. Vai >

 

Altri

Altri servizi cloud sono Mediafire e MEGA, che sono però incentrati sulla condivisione.

Vedi: Come inviare file pesanti